Home » Monumenti » Articoli » A Conca della Campania la Madonna che "scioglie i nodi" Conca della Campania
A Conca della Campania la Madonna che scioglie i nodi.jpg

A Conca della Campania la Madonna che "scioglie i nodi" -Conca della Campania



906 - 13 - 4 - 3



A Conca della Campania la Madonna che “scioglie i nodi”


Conca della Campania, in provincia di Caserta, caratteristico borgo dalle forti radici contadine, ospita nella Chiesa di San Pietro Apostolo la cosiddetta Madonna che “scioglie i nodi”. La storia di quest’icona affonda le radici nella Germania del ‘700, dove un pittore dipinse su tela una Madonna, raffigurata come una giovane donna in veste color rosso, colore della terra e indice, dunque, della sua umana dimensione, circondata da angeli, di cui uno nell’atto di sorreggerle il nastro su cui amorevolmente Maria scioglie i nodi e l’altro che lo raccoglie, libero dagli stessi; mentre la luna raffigurata ai suoi piedi rimanda alle simbologie dell’Apocalisse e il serpente, simbolo del male, soccombe schiacciato sotto i piedi della Vergine Celeste. Inizialmente il nastro era riferito alla sfera coniugale e, in quanto tale, simboleggiava il “nastro matrimoniale” di coppie che avevano così, attraverso la Sua intercessione, evitato il divorzio. Col passare dei secoli, però, l’icona perde il suo significato originario per ampliarsi alla sfera esistenziale, laddove i nodi rappresentano i drammi personali di tanti fedeli che pregano Maria affinché li sciolga. A richiamare l’attenzione e, di conseguenza, dar inizio alla diffusione del culto per la Vergine che “scioglie i nodi”, fu l’attuale Papa Bergoglio che ne portò in Argentina alcune copie e da lì in America, fino al resto del mondo. Anche in Italia e in Campania, a Conca della Campania, i fedeli sono soliti offrire il loro “nodo” alla Vergine, scrivendo su fazzoletti di carta le loro intenzioni, facendo loro un vero e proprio nodo e riponendoli in un contenitore posto davanti l’altare dove è possibile leggere un’apposita preghiera rivolta alla Madonna. Un culto, dunque, davvero singolare, il cui fascino attira ogni anno sempre più fedeli e che rappresenta anche un’ occasione in più per godere della splendida cornice paesaggistica di un borgo totalmente immerso nella natura.



Mappa (Coordinate esatte verificate)



Potrebbero interessarti




Locali in evidenza

Vuoi inserire la tua attività qui? Clicca qui

Facebook e App Android

Per non perdere gli eventi seguici su facebook o scarica la nuovissima app Android Caserta eventi sagre concerti



Condividi




Per condividere tramite smartphone sull'app di Facebook (o altro social)
Clicca su , apri l'app di Facebook ed incolla il link in "A cosa stai pensando"


Invia a:


Seguici su:

L'articolo è stato visualizzato 905 volte , ha ricevuto 3 mi piace, 4 commenti e 13 reazioni
Totale: 20