Home » Monumenti » Il Parco della Reggia di Caserta Caserta

Il Parco della Reggia di Caserta - Caserta

737 - Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/?id=https%3A%2F%2Fwww.solocaserta.it%2Fmonumenti%2F4-Il-Parco-della-Reggia-di-Caserta-citta-Caserta&access_token=1150228598357427|HDgpW71hl7Ouw2G9wDspty_2Rfk): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /web/htdocs/www.solocaserta.it/home/facebook.php on line 36 0



Via: Viale Douhet 2
Tel: 0823448084 - 0823277380
Visitabile: Si




Il Parco della Reggia di Caserta


Nel precedente articolo abbiamo fatto un viaggio tra le sontuose sale del Palazzo Reale, in questo articolo vi farò scoprire le meraviglie dell’immenso Parco annesso all’edificio.
Fornisco alcuni dati tecnici: il Parco misura 3 kilometri di lunghezza, sviluppandosi su una superficie di ben cento ettari riuscendo magnificamente a reggere il confronto con la Reggia di Versailles.
Anche qui, come per l’interno della Reggia, l’atmosfera che si respira è quella di un mondo fiabesco, in quanto, a mio parere, c’è una maestosa combinazione di natura e arte.
Iniziamo la nostra visita: dall’atrio accediamo al Parco Reale seguendo il grande viale centrale la prima fontana che incontriamo è la FONTANA MARGHERITA di forma circolare, detta anche “fontana del Canesto” e rappresenta uno snodo da cui partono i diversi viali laterali che portano nel bosco.
Continuando costeggiamo la grande Peschiera, lunga 475,20 metri, che assunse effettivamente la funzione di vivaio ittico per fornire di pesce le cucine reali.
Arriviamo alla FONTANA DEI DELFINI che fu costruita da Carlo Vanvitelli con lo scopo di immettere il flusso dell’acqua nella grande Peschiera, che ho citato sopra, tenendo conto del dislivello del terreno. Questa fontana presenta tre enormi delfini sugli scogli dalle cui bocche si riversano tre getti d’acqua che alimentano, appunto, la Peschiera.


Proseguendo si arriva alla FONTANA DI EOLO che presenta molti scogli su cui si poggiano numerosissime statue e ai cui piedi vi è la Grotta dei Venti, le statue degli schiavi poste sulle balaustre sono una sorta di omaggio agli schiavi che effettivamente lavorarono per la realizzazione di questo grande capolavoro.
Da questa si arriva alla FONTANA DI CERERE nella cui parte superiore si formano sette piccole cascate. Al centro una statua di Cerere che mostra un medaglione con la Trinacria e intorno ninfe e draghi.
Tra quest’ultima e la prossima fontana troviamo una serie di cascatelle, che ho citato sopra, per dare movimento a tutta l’architettura delle fontane.
Arriviamo alla FONTANA DI VENERE e ci imbattiamo in un gruppo scultoreo rappresentante Venere che cerca di dissuadere Adone dall’andare a caccia perché sa che incontrerà la morte e intorno ninfe, putti e animali ad animare la scena.


Da qui giungiamo alla fine di questo lungo percorso tra cascate e fontane che si chiude con il grande gruppo scultoreo rappresentante Diana e Atteone: Diana è in procinto di fare il bagno, circondata dalle ninfe, ma sorprende Atteone che aveva osato guardarla e per questo viene punito e trasformato in cervo. A mio avviso questa fontana è il capolavoro più bello perché rende proprio l’idea della drammaticità che pervade tutta la scena e vale la pena ammirala dal vivo.
Altro straordinario scenario si può ammirare nel cosiddetto “giardino inglese” che fa parte del Parco, voluto dalla stessa regina per seguire la moda del tempo dove erano in voga questi giardini adornati da numerose piante esotiche.
Qui due opere sono degne di nota:
il bagno di Venere: una sorta di vasca immersa nel verde al cui bordo possiamo ammirare la statua di Venere seduta su una specie di scoglio.
Il lago dei cigni: un laghetto circondato dalla vegetazione che contribuisce a dare un’atmosfera ancora più incantata all’intero giardino.


Un piccolo aneddoto legato alla costruzione del Giardino Inglese: fu voluto fortemente da Maria Carolina. Fu chiamato un botanico da Londra per esaudire il desiderio della Regina che solo dopo poco, svanito il capriccio, voleva addirittura licenziarlo, egli dovette infatti faticare molto per essere riassunto dal re. Il botanico avviò la coltivazione di piante esotiche facendole arrivare da ogni parte del mondo... (Questo episodio mi è stato suggerito da Carla B.)


INFORMAZIONE UTILE SUL PARCO DELLA REGGIA: A partire dagli inizi del 2000, per promuovere e far conoscere ulteriormente questo Parco, sono stati realizzati i cosiddetti “percorsi di luce”, ovvero delle visite guidate serali attraverso il Parco e il giardino inglese, in un gioco di luci e musiche che contribuiscono ad arricchirne l’atmosfera onirica.

Costo biglietti
Acquista il biglietto e salta la fila clicca qui
Appartamenti Storici - € 12 intero – € 6 ridotto (dai 18 ai 25 anni non compiuti) – Gratis fino a 18 anni
Solo Appartamenti Storici (acquistabile quando il parco è chiuso) - € 9,00 intero – € 4,50 ridotto (dai 18 ai 25 anni non compiuti) – Gratis fino a 18 anni
Parcoday solo presso la biglietteria Corso Giannone (accesso al Parco e al Giardino Inglese) - 8€ intero – 4€ ridotto (dai 18 ai 25 anni non compiuti) – Gratis fino a 18 anni
Reggia twodays 15€ (pomeriggio e giorno successivo)

Costo Abbonamenti
Gli abbonamenti, nominativi e non cedibili a terzi, saranno validi un anno con decorrenza dalla data di acquisto.
ParcApp Reggia di Caserta: € 50
Accesso ad Appartamenti Reali, Parco, Giardino Inglese (escluso mostre ed eventi)
Parco Reggia di Caserta € 25
Accesso al Parco (escluso mostre ed eventi)
La Direzione si riserva la facoltà di sospendere il biglietto ogni qual volta si configuri un pericolo per la tutela del Monumento.

Orari Appartamenti storici
Apertura: 8:30 – 19:30
Chiusura biglietteria: 18:45
Ultimo ingresso: 19:00
Uscita dal museo: 19:25

Orari Parco
Orario di Apertura 8.30
Gennaio - ultimo ingresso- 15:00 -chiusura- 16:00
Febbraio - ultimo ingresso- 15:30 -chiusura- 16:30
Marzo - ultimo ingresso- 16:00 -chiusura- 17:00
Aprile - ultimo ingresso- 18:00 -chiusura- 19:00
Maggio - ultimo ingresso- 18:00 -chiusura- 19:00
Giugno - ultimo ingresso- 18:00 -chiusura- 19:00
Luglio - ultimo ingresso- 18:00 -chiusura- 19:00
Agosto - ultimo ingresso- 18:00 -chiusura- 19:00
Settembre - ultimo ingresso- 18:00 -chiusura- 19:00
Ottobre - ultimo ingresso- 16:30 -chiusura- 17:30
Novembre - ultimo ingresso- 14:30 -chiusura- 15.30
Dicembre - ultimo ingresso- 14:30 -chiusura- 15.30

Orari giardino inglese
Gennaio - ultimo ingresso- 14:00 -chiusura- 15:00
Febbraio - ultimo ingresso- 14:30 -chiusura- 15:30
Marzo - ultimo ingresso- 15:00 -chiusura- 16:00
Aprile - ultimo ingresso- 17:00 -chiusura- 18:00
Maggio - ultimo ingresso- 17:00 -chiusura- 18:00
Giugno - ultimo ingresso- 17:00 -chiusura- 18:00
Luglio - ultimo ingresso- 17:00 -chiusura- 18:00
Agosto - ultimo ingresso- 17:00 -chiusura- 18:00
Settembre - ultimo ingresso- 17:00 -chiusura- 18:00
Ottobre - ultimo ingresso- 16:00 -chiusura- 17:00
Novembre - ultimo ingresso- 14:00 -chiusura- 15.00
Dicembre - ultimo ingresso- 13:30 -chiusura- 14.30

Acquista il biglietto e salta la fila clicca qui


Il parco della Reggia in 3d:
https://artsandculture.google.com/entity/%2Fm%2F03fhjg?hl=it#ql=1

Articolo scritto dalla
Dott.ssa Valeria Nerone



Mappa


Per condividere tramite smartphone sull'app di Facebook (o altro social)
Clicca su , apri l'app di Facebook ed incolla il link in "A cosa stai pensando"


Invia a:



Questo monumento è stato visualizzato 737 volte Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/v3.1/?id=https%3A%2F%2Fwww.solocaserta.it%2Fmonumenti%2F4-Il-Parco-della-Reggia-di-Caserta-citta-Caserta&fields=engagement&access_token=1150228598357427|HDgpW71hl7Ouw2G9wDspty_2Rfk): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /web/htdocs/www.solocaserta.it/home/contamipiace.php on line 6 , ha ricevuto mi piace, commenti e reazioni
Totale: 0

Condividi su: